Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È forte la tensione e la confusione nelle Maldive dove non è ancora certo se domani si svolgerà, come previsto dalla Commissione elettorale, il ballottaggio per le elezioni presidenziali fra i due candidati meglio classificati nel primo turno di oggi, l'ex presidente Mohamed Nasheed e Abdullah Yamin (Ppm).

Proprio il candidato del Ppm (Partito progressista delle Maldive) ha annunciato in serata che a suo avviso "è impossibile svolgere il ballottaggio perché la Commissione elettorale non si è preparata a sufficienza per sostenerlo".

Yamin ha aggiunto che "le liste elettorali per il ballottaggio non sono state preparate in modo tale che i partiti possano verificarle e firmarle". "È necessario svolgere controlli su queste liste - ha concluso - e per questo noi abbiamo bisogno di almeno 48 ore".

In un primo momento il ballottaggio era stato fissato al 16 novembre ma è stato anticipato per non correre il rischio di un pericoloso vuoto di potere, dato che il presidente uscente Mohamed Waheed deve lasciare il suo incarico l'11 novembre.

Per ovviare a questo, ma con forti dubbi di costituzionalità del provvedimento, la Corte Suprema ha firmato una ordinanza che, a differenza di quanto stabilisce la Costituzione, se non c'è un presidente eletto prima dell'11 novembre, Waheed resterà in carica ad interim, insieme al suo governo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS