Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il procuratore della Corte penale internazionale (Cpi), Fatou Bensouda, ha detto oggi che la distruzione dei mausolei da parte degli islamisti che controllano la città di Timbuctù, nel Mali settentrionale, è un "crimine di guerra" che può essere perseguito dal Cpi.

Intanto la distruzione dei mausolei e delle tombe sacre continua. Gli integralisti di Ansar Dine, gruppo armato legato ad al-Qaida che nel nord del Mali ha ormai pieno controllo sul territorio e sulla popolazione terrorizzata, non si sono fermati. E anche oggi, armati di Kalashnikov e di picconi, zappe e scalpelli, hanno continuato a devastare e a distruggere i mausolei dei santi musulmani nella mitica città di Timbuctù, dal 1988 Patrimonio mondiale dell'umanità.

Con voce rotta dall'emozione la ministra delle arti, del turismo e della cultura del Mali, Diallo Fadima, ha chiesto alle Nazioni Unite un'immediata "mobilitazione contro la distruzione criminale" del patrimonio archeologico e culturale del suo paese. Ma a San Pietroburgo - dove sono riuniti i membri dell'Unesco che, proprio dichiarando giovedì i siti del Mali "in pericolo", hanno involontariamente scatenato la furia fanatica dei fondamentalisti - è stato possibile decidere solo una "condanna" simbolica: un minuto di silenzio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS