Navigation

Mali: Eliseo conferma morte ostaggio francese Philippe Verdon

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 luglio 2013 - 21:45
(Keystone-ATS)

L'Eliseo ha confermato oggi la morte di Philippe Verdon, l'ostaggio francese sequestrato nel novembre del 2011 in Mali dai jihadisti. "La morte del nostro connazionale Philippe Verdon è formalmente confermata. Le sue spoglie saranno trasferite il prima possibile nel nostro Paese e l'autopsia permetterà di comprendere la cause della morte", ha affermato il presidente francese François Hollande.

Ad annunciare la morte di Verdon, 53 anni, il 19 marzo scorso era stata l'organizzazione jihadista al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi). Verdon era stato sequestrato insieme ad un altro francese, Serge Lazarevic, nella notte del 24 novembre del 2011. I due in viaggio di affari nel mali, erano stati prelevati dal loro albergo a Hombori (nord-est del Paese). Lazarevic è ancora nella mani dell'Aqmi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.