Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I soldati maliani e francesi hanno ripreso il controllo della città di Diabali, a 400 km a nord di Bamako, che era caduta il 14 gennaio nelle mani dei fondamentalisti. Lo ha reso noto un abitante di Diabali, membro del Consiglio comunale, e una fonte della sicurezza regionale.

"Diabali è libera, gli islamici sono fuggiti e i militari francesi e maliani sono entrati in città", ha precisato il testimone locale.

La località è stata bombardata diverse volte dall'aviazione francese martedì, ma i jihadisti non erano fuggiti, e secondo varie testimonianze, avevano approfittato della situazione per mescolarsi con i locali usando questi ultimi come scudi umani.

"Dopo l'attacco francese sappiamo che" gli integralisti "si sono rasati la barba, allungati i pantaloni, in altre parole si sono mimetizzati con la popolazione", ha spiegato il capitano maliano Cheickné Konaté.

Fonti della sicurezza locale hanno aggiunto che mercoledì si sono verificati aspri combattimenti ravvicinati tra i miliziani e i soldati francesi, sempre a Diabali.

In questa zona "ci sono gli integralisti più estremisti, quelli fanatici, e meglio organizzati, ma anche i più determinati e meglio armati", aveva precisato in precedenza il ministro della difesa francese, Jean-Yves Le Drian.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS