Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Arrestati trafficanTi di droga alla Malpanesa, fra cui uno svizzero (archivio)

Keystone/AP/ANDREW MEDICHINI

(sda-ats)

Si è conclusa con cinque arresti, fra cui uno svizzero, e oltre 22 chili di cocaina sequestrata l'operazione antidroga "San Pedro" che ha permesso alla Procura di Busto Arsizio di smantellare una rete di trafficanti di cocaina con punti di contatto anche in Svizzera.

A seguito di questi arresti, l'attività investigativa della guardia di finanza di Varese ha permesso di ricostruire l'attività di un gruppo criminale con base ad Arezzo e San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), e con "filiali" in Svizzera, che importava cocaina direttamente dai cartelli del narcotraffico in Repubblica Dominicana.

I corrieri arrivavano dal Sudamerica con il carico di droga e venivano prelevati all'esterno dell'aeroporto internazionale di Malpensa. In totale, durante le indagini, i finanzieri hanno sequestrato 22 chili di cocaina.

L'inchiesta ha preso il via dall'arresto di un quarantenne italiano, bloccato all'aeroporto di Malpensa (Varese) appena sbarcato da La Romana (Repubblica Dominicana) con cinque chili di cocaina. Le indagini, in rapida successione, hanno permesso poi l'arresto degli altri appartenenti dell'organizzazione, un italiano di 35 anni, un cittadino svizzero di 24 e un coetaneo dominicano, anche loro fermati appena fuori dallo scalo internazionale, con un carico totale di 16 chili di cocaina purissima.

Le ultime fasi dell'operazione hanno visto le fiamme gialle impegnate nel monitorare la consegna di una partita di cocaina da parte di due dei corrieri arrestati, prelevati a Malpensa da un trentaseienne dominicano residente a San Benedetto del Tronto, ritenuto dagli inquirenti il destinatario finale della cocaina e promotore del traffico di droga. L'uomo è stato arrestato insieme agli altri due malviventi in un albergo del Varesotto, dove i tre si erano spostati insieme al carico di stupefacente, seguiti dai finanzieri, su disposizione della Procura di Busto Arsizio (Varese).

SDA-ATS