Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SHANGHAI - Una donna di 74 anni, sepolta sotto il fango, è stata portata in salvo dai soccorritori accorsi nel nord ovest della Cina dove ieri frane, smottamenti e inondazioni hanno fatto 127 morti e quasi 1300 scomparsi. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina.
La donna, Yang Jinfeng, è stata estratta in tarda mattinata dalle macerie di un palazzo distrutto a metà nella contea di Zhouqu, nella provincia tibetana autonoma di Gannan, nella provincia del Guansu. La donna è stata estratta salva dalle macerie quasi 40 ore dopo il crollo del palazzo a causa del fango e degli smottamenti. Si trovava nel proprio appartamento al quarto piano e dormiva quando è arrivata l'acqua. Le sue condizioni sono stabili, hanno detto i medici, che l'hanno trovata assetata e affamata. Ancora nessuna notizia da Yeyuan, un villaggio nel quale nessuna struttura è rimasta in piedi. I soccorritori stanno cercando segni di vita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS