Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

New York e Washington sono sommerse dalla neve, così come Boston e gran parte del Nordest degli Stati Uniti.

Per la seconda volta in questa stagione sullo Stato di New York si è abbattuta una nevicata di proporzioni tali da bloccare aeroporti, scuole, autostrade. In poche ore sono caduti oltre 40 centimetri di neve, creando notevoli disagi alla circolazione. A migliaia i voli cancellati.

Situazione analoga nel District of Columbia, dove Casa Bianca e Campidoglio sono a loro volta sotto una spessa coltre nevosa.

La nevicata ha condizionato anche la trasferta in Wisconsin del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il suo rientro a Washington è stato rallentato al punto che per percorrere la ventina di chilometri che separano la base aerea di Andrews dalla capitale, Obama e la sua scorta hanno impiegato oltre un'ora.

A New York il sindaco, Michael Bloomberg, ha proclamato lo stato d'emergenza. La nevicata, cominciata nella giornata di ieri, si è protratta nel corso della notte, e ha lasciato su Manhattan una coltre così spessa da bloccare la città.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS