Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le strade di Muttenz (BL) il 25 giugno del 2016.

Keystone/PASCAL BLOCH

(sda-ats)

Il maltempo in Svizzera ha causato l'anno scorso danni per circa 100 milioni di franchi. Due sono stati i morti causati da eventi naturali. Lo ha comunicato oggi l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (SLF).

Ad essere particolarmente toccati dal fenomeno sono stati i Cantoni a Nord delle Alpi, in particolare Basilea-Campagna, Argovia e Svitto.

L'anno passato è il nono consecutivo che registra danni relativamente contenuti, si legge in un comunicato stampa odierno: per il periodo 1972-2015 i danneggiamenti sono ammontati in media a 310 milioni di franchi.

L'ultimo evento catastrofico di una certa importanza risale al 2007, quando vennero stimati costi per 700 milioni. Da allora in poi, la media oscilla tra 20 e 145 milioni.

Nell'anno in rassegna, buona parte dei danni è attribuibile a forti temporali che hanno causato inondazioni e smottamenti.

A Svitto un uomo è deceduto a Muotathal il 24 giugno quando il suo veicolo è stato travolto da una massa di detriti e acqua. Un operaio ha invece perso la vita il 13 maggio a Linthal, nel Canton Glarona, dopo essere rimasto sepolto da una colata di fango e acqua.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS