Navigation

Malu Dreyer apre congresso Spd, vivi e combattivi

Malu Dreyer, una delle leader del partito. KEYSTONE/EPA/CLEMENS BILAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 dicembre 2019 - 10:46
(Keystone-ATS)

"Sappiamo da dove veniamo e dove vogliamo andare. Insieme nel futuro". Con queste parole Malu Dreyer, la donna che in questi mesi ha commissariato la presidenza dei socialdemocratici tedeschi, ha aperto a Berlino il congresso dell'SPD.

Un appuntamento politico difficilissimo, dopo l'esito del referendum della base di sabato scorso, che ha visto affermarsi due anime della sinistra del partito, Norbert Walter Borjans e Saskia Esken, e la sconfitta del vicecancelliere Olaf Scholz.

"Abbiamo migliorato la vita di milioni di persone negli ultimi anni", ha affermato la Dreyer, citando i risultati della "politica responsabile" dei socialdemocratici. "Di questo sono molto orgogliosa". "Il nostro è un partito vivissimo e combattivo", ha aggiunto, sottolineando che l'Spd "è affidabile, e sempre a disposizione della gente del nostro Paese". "Fa una differenza chi governa", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.