Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stato forse quella sindrome da sovraccarico da lavoro e impegni che talvolta causa un vuoto mentale a determinare un nuovo episodio di involontario abbandono di un un figlio in auto. Una tragedia questa volta per fortuna solo sfiorata.

Una bimba di un anno è stata dimenticata, questa mattina, nella vettura dalla madre in un parcheggio della fermata metropolitana di Bisceglie a Milano: la piccina è stata salvata solo grazie all'intervento di un passante che si è accorto della presenza della bimba nell'auto e ha dato l'allarme. La polizia, intervenuta rapidamente, ha sfondato il finestrino l'ha tirata fuori.

La piccola è stata immediatamente trasportata in ospedale: non è in pericolo di vita ma ha subito un forte choc. La mamma, che ha 38 anni, dopo aver parcheggiato, ha preso un treno per andare al lavoro e così la figlioletta è rimasta chiusa nella macchina per un'oretta.

La donna, subito rintracciata, era sconvolta e incapace di spiegare quello che era successo. "Non riesco a spiegarmelo, ero convinta di averla portata all'asilo...", ha continuato a ripetere agli agenti come in trance. Ha spiegato di non ricordare nulla e di aver avuto una sorta di buco nero. Quando ha preso la metro per andare a lavoro si era dimenticata completamente della bimba che ha rischiato seriamente di morire anche perché le temperature sfioravano già in mattinata i 30 gradi.

SDA-ATS