Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Le autorità americane che stanno lavorando per evitare una catastrofe ambientale nelle coste meridionale del Paese hanno cominciato a bruciare una parte dell'enorme marea nera di petrolio che galleggia al centro del golfo del Messico. Lo ha fatto sapere la Guardia Costiera.
Si tratta di una misura che è stata annunciata ieri e che è stata adottata per tentare di evitare l'avanzata della chiazza verso terra.
La marea nera di petrolio che si sta allargando nel golfo del Messico potrebbe toccare le coste dello stato americano della Lousiana già nella serata di venerdì. Il disastro è stato causato dall'affondamento della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon.

SDA-ATS