Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - La BP, responsabile per la marea nera nel Golfo del Messico, sta tentando una nuova tecnica per arginare il flusso di greggio che non accenna a diminuire: l'inserimento di una sorta di siringa telecomandata nel braccio flessibile del pozzo, per poi aspirare il petrolio che fuoriesce.
La siringa possiede una sorta di valvola per impedire, almeno teoricamente, che il flusso di greggio finisca in mare: se il sistema funzionerà davvero lo si capirà nelle prossime ore, o al massimo durante il fine settimana.
Secondo il numero uno della Guardia Costiera, Thad Allen, parte del petrolio viene pompato attualmente attraverso la mini cupola che i robot della BP stanno tentando di posizionare sul fondo del mare, a circa 1500 metri di profondità, per 'incapucciare' il pozzo.

SDA-ATS