Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BARCELLONA - "È una marea umana" che ha "superato tutte le previsioni" degli organizzatori quella che è sfilata ieri per le strade di Barcellona per protestare contro la recente sentenza del tribunale Costituzionale spagnolo sullo statuto di autonomia della Catalogna. Lo hanno riferito le edizioni online dei giornali catalani.
Gli organizzatori della manifestazione si aspettavano all'incirca 1 milione di persone alla protesta appoggiata praticamente da tutte le forze politiche catalane (ad eccezione del conservatore Pp) e da più di mille associazioni.
La corte ha dichiarato incostituzionali 14 articoli e ne ha reinterpretati altri 27 sul totale di circa 200. In particolare, il tribunale si è rifiutato di includere l'idea di nazione associata a Catalogna, ha ribadito la parità di status per le due lingue ufficiali (catalano e spagnolo) nell'educazione e nell'amministrazione, ha riconosciuto la "superiorità dello stato sulle regioni autonome, che chiedevano bilateralità in alcuni aspetti, e si è rifiutato di legare gli investimenti dello Stato nelle regioni al Pil di queste ultime.
La maggior parte delle forze politiche catalane considera la decisione del tribunale "un colpo d'ascia" che mozza lo statuto approvato nel 2006 dal Parlamento di Madrid. A Madrid la stampa conservatrice vicina al nazionalismo spagnolo, punta il dito contro la carta che condurrà "alla perfetta frammentazione dello stato".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS