Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consiglio della Banca centrale europea (Bce) ha discusso sull'eventualità di un nuovo taglio dei tassi, ma i membri hanno concordato sul fatto che "adesso non è il momento". La Bce si tiene però pronta a nuove misure non convenzionali di politica monetaria per affrontare la situazione sui mercati e i premi di rischio, ha annunciato il presidente Mario Draghi, osservando che "l'euro è irreversibile". Ma intanto le borse, che si aspettavano qualcosa di più concreto, hanno reagito molto negativamente e gli spread sono tornati a salire.

La Bce, nella riunione odierna, ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso l'istituto rimarranno invariati rispettivamente allo 0,75%, all'1,50% e allo 0,00%.

Molto atteso era il discorso di Draghi. L'ex governatore della Banca d'Italia ha detto che le modalità per le nuove misure non standard che la Bce potrebbe adottare "saranno decise nelle prossime settimane". I governi devono attivare i fondi di salvataggio Efsf ed Esm quando ci sono le condizioni. Il consiglio Bce "nel suo mandato e nella sua indipendenza potrebbe fare interventi diretti sui mercati" nelle prossime settimane, ha rilevato il presidente, aggiungendo che "i paesi della zona euro devono attuare le riforme" e le raccomandazioni ricevute.

I mercati hanno reagito male: l'euro è sceso rispetto al dollaro, i differenziali di rendimento fra i Bund tedeschi e i titoli di stato italiani o spagnoli sono aumentati e le borse bruscamente arretrate: Madrid perde il 5%, Milano il 3%. Zurigo ha azzerato i guadagni, ma riesce per un soffio a mantenersi positiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS