Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il luogo dell'attentato

KEYSTONE/AP/CLAUDE PARIS

(sda-ats)

Nonostante la rivendicazione dell'Isis, gli inquirenti mantengono la massima prudenza sull'attentato di ieri alla stazione Saint-Charles di Marsiglia.

La polizia cerca infatti un possibile legame fra l'attentatore, un delinquente comune abituato a fornire false generalità, e le due vittime, due cugine di 17 e 21 anni.

Secondo quanto filtrato dall'inchiesta, il carattere terroristico dell'azione non è stato confermato, anche per la strana dinamica dell'azione, con l'uomo che colpisce una vittima, si allontana, poi torna e attacca la seconda.

Le due cugine avevano trascorso il week-end insieme, una veniva da Lione e proprio in quella città l'assalitore - probabilmente di nazionalità algerina, era stato arrestato l'ultima volta, la settimana scorsa, dopo uno scippo.

Al momento gli inquirenti non hanno neppure accertato la vera identità dell'uomo, che negli ultimi anni - ad ogni fermo - ha fornito fino ad 8 generalità diverse. Introvabile, per ora, anche il suo domicilio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS