Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere federale Ueli Maurer a Hong Kong, scambio informazioni fiscali entro 2019.

KEYSTONE/AP/VINCENT YU

(sda-ats)

Il consigliere federale Ueli Maurer ha fatto tappa oggi a Hong Kong al termine di un viaggio di otto giorni che l'ha condotto a Pechino, Shanghai e Singapore.

Ne ha approfittato per evocare con gli interlocutori dell'ex colonia britannica la questione dello scambio automatico delle informazioni fiscali: un accordo è maturo e dovrebbe diventare effettivo entro la fine del 2019.

Il capo del Dipartimento federale delle finanze (DFF) si è intrattenuto con l'omologo locale KC Chan e con rappresentanti dell'autorità monetaria e di regolamentazione dei mercati della regione amministrativa speciale cinese.

Maurer è accompagnato da una delegazione comprendente rappresentanti della Finma (Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari), della Borsa svizzera, dell'Associazione svizzera dei banchieri, degli ambienti finanziari e assicurativi.

"La Svizzera e Hong Kong hanno molti punti in comune: entrambi sono piccoli Paesi, con una piazza finanziaria forte", ha dichiarato in una conferenza stampa, precisando di aver affrontato con i suoi interlocutori "i diversi punti sui quali possiamo collaborare in un'atmosfera cordiale".

Primi scambi d'informazioni a settembre 2019

In cima all'elenco figura un accordo sullo scambio automatico di informazioni in materia fiscale. "Prevediamo di firmarlo entro poco", ha detto il segretario di Stato per le questioni finanziarie internazionali Jörg Gasser. Ciò permetterà - ha aggiunto - "di cominciare la raccolta delle informazioni nel 2018 e di effettuare un primo scambio nel settembre 2019".

In quanto importanti piazze finanziarie, Hong Kong e la Svizzera hanno interesse a creare un ambiente che ponga tutti su un piede di parità, ha proseguito Gasser.

Chan e Maurer hanno inoltre affrontato le questioni relative alla sicurezza informatica che si pongono quando si scambiano grandi quantità di dati.

Hong Kong "porta d'ingresso" per la Cina

"Se Hong Kong interessa la Svizzera, è anche perché si tratta di una porta d'ingresso per investire in Cina", ha detto ancora il ministro delle finanze elvetico. Uno dei principali obiettivi del suo viaggio è infatti di promuovere la piazza finanziaria svizzera nell'ex Celeste impero. "Le banche svizzere come UBS e Credit Suisse sono già presenti in Cina, ma piacerebbe loro diventarvi più grandi", ha rilevato il consigliere federale.

Pechino vieta in particolare agli istituti bancari di detenere più del 49% di una società mista attiva nel settore dei valori mobiliari.

Nuova Via della Seta

Il viaggio asiatico, nel corso del quale Ueli Maurer ha avuto oltre 30 incontri bilaterali, ha anche permesso di discutere del contributo che la Svizzera potrebbe fornire al progetto plurimiliardario cinese d'investimenti "One Belt, One Road", o "Nuova Via della Seta", lanciato nel 2013 dal presidente cinese Xi Jinping.

"Abbiamo una grande esperienza nel settore dei grandi progetti infrastrutturali, grazie a imprese come ABB e Oerlikon, come pure in quello dei prestiti bancari, dell'assicurazione e della riassicurazione", ha detto Gasser.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS