Navigation

Maurer in Kazakistan per intensificare scambi

Maurer è stato ricevuto con tutti gli onori. KEYSTONE/EPA/STANISLAV FILIPOV sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2019 - 16:46
(Keystone-ATS)

Terzo investitore estero in Kazakistan, la Svizzera vuole intensificare ulteriormente gli scambi: lo ha detto il presidente della Confederazione Ueli Maurer, oggi in visita nell'ex repubblica sovietica.

Il capo del Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha incontrato nella capitale Nur-Sultan, città da 1 milione di abitanti, il presidente Qasym-Jomart Toqaev - entrato in carica nel marzo scorso: è stato fra l'altro direttore generale dell'ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra - e il primo ministro Asqar Mamin, informa il DFF in un comunicato diffuso a Berna.

Ai colloqui, ai quali ha preso parte anche una delegazione di esponenti del mondo economico svizzero, sono stati affrontati temi quali la nuova via della seta, la cooperazione a livello internazionale e l'approfondimento delle relazioni bilaterali. Già oltre quaranta aziende svizzere operano in Kazakistan - alcune da oltre 20 anni - e Maurer ha offerto di ampliare gli scambi, attualmente incentrate sulle merci, al settore delle conoscenze.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.