Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si sono aperti stamane in Mauritania i seggi per le elezioni legislative e municipali, boicottate dai partiti dell'opposizione. Circa 1,2 milioni di elettori sono chiamati a rinnovare l'Assemblea Nazionale, che conta 147 membri, e i consigli di 218 comuni. All'apertura dei seggi nella capitale Nouakchott, installati nello stadio Olimpico, c'era già una lunga fila di elettori in attesa di poter votare.

Quelle di oggi sono le prime elezioni dal 2006, due anni prima del colpo di Stato di Mohamed Ould Abdel Aziz, ex generale eletto presidente nel 2009 e la cui elezione fu contestata dall'opposizione.

Almeno 74 partiti di maggioranza e dell'opposizione "moderata" partecipano al voto, ma lo scrutinio è boicottato da 10 degli 11 partiti dell'opposizione che si definisce "radicale" e riunita all'interno della Coordinazione dell'opposizione democratica (COD) che denuncia l'assenza di "garanzie di trasparenza".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS