Navigation

Mauritania: un morto in attacco polizia contro sciopero minatori

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 luglio 2012 - 18:07
(Keystone-ATS)

Un operaio è morto oggi, nel nord della Mauritania, quando la polizia è intervenuta con durezza per reprimere una manifestazione dei lavoratori di una compagnia che lavora nel settore dell'estrazione di rame, in sciopero da due giorni.

Secondo il sito Afriquinfos, l'uomo è morto per avere inalato il gas dei lacrimogeni di cui la polizia ha fatto largo uso per disperdere i manifestanti.

La protesta ha, alla base, rivendicazioni salariali e nel campo della sicurezza sul lavoro. La società, la Mines de Cuivre de Mauritanie (MCM), è una filiale della canadese First Quantum Minerais Limite, che in Mauritania impiega circa tremila persone. Il settore minerario è una delle voci più importanti dell'economia mauritana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?