Navigation

Media, 26 deputati migreranno nel partito Bolsonaro

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro. KEYSTONE/AP Pool/PAVEL GOLOVKIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2019 - 16:40
(Keystone-ATS)

L'uscita del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, dal Partito social-liberale (Psl), sigla con il quale il politico di estrema destra ha vinto le elezioni di ottobre 2018, creerà una spaccatura nel gruppo alla Camera.

Secondo il quotidiano O Globo, 26 dei 53 deputati del Psl devono accompagnare il capo dello Stato nella nuova formazione, l'Alleanza per il Brasile.

Se la fondazione del partito di Bolsonaro andrà a buon fine, è probabile che le forze di centro diventino ancora più forti al Congresso.

La possibile migrazione cambierà le dinamiche dei negoziati politici. Il Psl, secondo maggiore partito della Camera, diventerebbe il nono partito più grande se i deputati indecisi decidessero di rimanere nella sigla, mentre l'Alleanza per il Brasile si posizionerebbe in dodicesima posizione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.