Navigation

Media, killer Glasgow profugo sudanese con problemi mentali

Le forze dell'ordine e i soccorsi nei pressi dell'albergo teatro dei fatti. KEYSTONE/EPA/Stringer sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2020 - 15:54
(Keystone-ATS)

Era un richiedente asilo sudanese il responsabile dell'assalto con un coltello agli ospiti di un albergo per rifugiati a Glasgow, poi ucciso dalla polizia. Lo ha appreso Sky News, secondo cui l'uomo avrebbe mostrato segni di instabilità mentale poco prima di colpire.

Il richiedente asilo, che era arrivato nel Regno Unito sei mesi fa, si era lamentato delle condizioni di vita nell'hotel e aveva particolari difficoltà con il rumore. Tanto che i compagni di stanza, suoi connazionali, avevo espresso preoccupazione per le sue condizioni psichiche allo staff dell'hotel, la notte prima dell'attacco.

Inoltre, l'uomo aveva telefonato ad un avvocato per l'immigrazione alle 11 del giorno dopo, ed il legale si era ripromesso di contattare il team del Ministero degli Interni istituito per proteggere le persone in circostanze vulnerabili. Ma poco meno di due ore dopo, era scattato l'assalto all'hotel.

Sei persone sono rimaste ferite, tra cui un agente di polizia, grave ma stabile. Gli altri cinque sono di età compresa tra i 17 ed i 53 anni, uno di loro è in condizioni critiche. L'aggressore è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco dalla polizia che ha risposto alla chiamata, ed il caso non viene trattato come terrorismo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.