In luglio le spese pubblicitarie in Svizzera sono aumentate del 3,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, a 285 milioni di franchi. A trainare la crescita è stata soprattutto l'industria alimentare con un +17% (circa 30 milioni di franchi di introiti): in prima linea, malgrado la pessima meteo, figurano le pubblicità dei gelati, rileva in una nota odierna l'istituto Media Focus, autore dell'inchiesta.

Un forte contributo è stato dato anche il settore delle telecomunicazioni, che ha speso in pubblicità 21 milioni di franchi (+36%), una cifra superiore alla media.

In calo invece il comparto elettronica, che nel mese in rassegna ha speso circa 3 milioni di franchi per promuovere le vendite: circa la metà rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche le pubblicità dei prodotti di tabaccheria sono scese a 0,8 milioni di franchi.

Complessivamente da inizio anno risulta una progressione delle spese pubblicitarie dell'1,4%, con un aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese di giugno.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.