Navigation

Medici lanciano l'iniziativa contro penuria nella categoria

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2013 - 12:36
(Keystone-ATS)

La Svizzera deve formare al più presto circa 600 medici all'anno per lottare contro la penuria nella categoria. Giovani, sostenuti dall'ambiente medico, hanno lanciato stamani un'iniziativa popolare nell'intento di smuovere le acque. Il testo consentirebbe al Consiglio federale di forzare la mano ai cantoni.

Gli autori dell'iniziativa "Più posti di formazione nel campo della medicina umana - Per prevenire la carenza di medici" hanno tempo fino al 9 ottobre 2014 per depositare le 100'000 firme necessarie. Il termine per la consegna delle firme è pubblicato nel "Foglio federale". Da oltre dieci anni, la Svizzera non forma più un numero sufficiente di medici, osservano i fautori dell'iniziativa. Ogni anno in Svizzera vengono rilasciati circa 700-800 diplomi medici. Ma per rispondere alle necessità si dovrebbe arrivare a circa 1400.

Secondo i promotori dell'iniziativa, l'accordo raggiunto in agosto tra il ministro degli affari sociali Alain Berset e i direttori cantonali della sanità non è sufficiente. Questo piano, nato dalla strategia volta a sviluppare la medicina di famiglia in risposta a un'altra iniziativa popolare, prevede 300 posti di formazione supplementari a partire dal 2018. Il tempo stringe, ha sottolineato in una conferenza stampa il presidente del comitato d'iniziativa Daniel Häuptli. Prima che un medico sia operativo, occorrono dieci anni: sei di formazione e quattro di pratica.

Sebbene tutti ammettano la necessità di adottare provvedimenti, i politici non sono riusciti ad accordarsi sulle modalità di finanziamento. Da qui l'idea di attribuire alla Confederazione una competenza sussidiaria. Formalmente, l'iniziativa lascia la competenza di formare i dottori ai cantoni. Spetta a quest'ultimi il compito di quantificare le necessità a lungo termine e la capacità di formazione, nonché di fissare una pianificazione su scala nazionale. Dovranno adottare le misure che s'impongono, affinché le necessità siano coperte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.