Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - L'elisir di lunga vita potrebbe essere finalmente vicino alla realizzazione. Lo sostiene un ricercatore americano che, durante una conferenza sull'invecchiamento alla Royal Society di Londra, ha parlato di un possibile nuovo 'farmaco della longevita'' che le case farmaceutiche potrebbero iniziare a testare già tra due anni.
La pillola miracolosa agirebbe sul ciclo di vita delle cellule, il metabolismo e il tasso di colesterolo, contrastando l'invecchiamento umano. Non ci sarebbe bisogno quindi di uno stile di vita sano o di continue cure per vivere a lungo ma solo di un gene 'della longevita'', che il professore dice di aver individuato studiando ultracentenari in perfetto stato di salute.
Solo pochi fortunati hanno il dono di possedere tale gene che non solo permette di vivere a lungo ma che sembra determini una minore propensione delle malattie durante tutta la vita e un'improvvisa morte naturale senza dolore, spiega Barzilai.
Le sperimentazioni si starebbero muovendo alla ricerca della riproduzione di tali difese naturali che alcuni individui a differenza di altri hanno innate come patrimonio genetico.

SDA-ATS