Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un locale destinato ad accogliere i migranti a Kaltbach (Svitto). Le domande d'asilo in Svizzera sono calate del 57% su base annua nel primo trimestre 2017.

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Durante il primo trimestre 2017 sono state presentate in Svizzera 4731 domande d'asilo, ossia circa il 57% in meno che nello stesso periodo del 2016.

Nel mese di marzo 2017 si è però registrato un aumento delle richieste dell'8,6% (1636) rispetto a febbraio, indica la la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) in una nota odierna.

Nonostante il calo di nuove domande d'asilo osservato durante il primo trimestre, l'evoluzione della situazione nelle regioni in conflitto e lungo le rotte migratorie rimane incerta, mette in guardia la SEM. Inoltre, quando le condizioni meteorologiche lo consentono, il numero di migranti che attraversano il Mediterraneo aumenta. Negli scorsi mesi di gennaio e febbraio è così approdato in Italia meridionale un numero di persone maggiore rispetto agli anni passati, si precisa nel comunicato.

Anche in primavera si assiste, di norma, a un aumento del numero di domande d'asilo. La Confederazione e i Cantoni devono pertanto prepararsi all'eventualità di un nuovo incremento nel corso dell'anno.

Nel mese di marzo 2017 i principali Paesi di provenienza dei richiedenti asilo giunti in Svizzera sono stati l'Eritrea (308 domande; +12), la Siria (145; -22), la Guinea (114; +9), l'Afghanistan (100; +8) e l'Iraq (97; +25).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS