Navigation

Meno morti in montagna, vi ha contribuito il cattivo tempo

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2012 - 11:21
(Keystone-ATS)

Nella prima metà del 2012 si sono registrati molti meno morti in incidenti di montagna, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso: 44 contro 64, secondo la statistica del Club Alpino Svizzero (CAS/SAC).

Al netto calo hanno contribuito in gran parte le cattive condizioni meteorologiche, più che una maggiore attenzione o una migliore preparazione degli alpinisti, sottolinea la guida alpina Ueli Mosimann, specialista di sicurezza del CAS. "Come si mette al bello, vanno tutti in montagna", dice all'ats. Così il brutto tempo nei primi sei mesi dell'anno ha fatto sì che ci fossero meno morti in montagna e meno interventi per situazioni di emergenza.

Per lo stesso motivo - aggiunge l'esperto - il 2011 è stato un anno nero nella storia dell'alpinismo. Durante il lungo periodo di bel tempo primaverile e autunnale c'erano condizioni ideali per la pratica degli sport di montagna. Così la Rega è dovuta intervenire come non mai, per un bilancio finale di 151 morti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?