Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel primo semestre del 2016 in Svizzera le procedure di conciliazione concernenti rapporti di locazione si sono ridotte circa del 20% - con 13'820 nuove richieste - rispetto agli ultimi sei mesi dello scorso anno (17'618).

Il motivo è da ricercare nel ribasso del tasso ipotecario di riferimento nei contratti di locazione, informa in un comunicato odierno l'Ufficio federale delle abitazioni (UFAB). A partire dal 2 giugno 2015 questo è infatti stato diminuito dal 2,0% al 1,75%, causando temporaneamente un forte aumento delle controversie per la riduzione dei cannoni di locazione. Da allora il tasso di riferimento è rimasto stabile.

Su confronto annuale il numero delle procedure di conciliazioni si è situato a un livello simile a quello del primo semestre 2015 (13'939), precisa la nota.

Nei primi sei mesi del 2016 sono stati sbrigati 15'295 casi: il 50,6% (7'738 casi) grazie a un'intesa tra le parti, il 27,7% in seguito a ritiro, non entrata in materia, mancanza di oggetto o trasmissione a un tribunale arbitrale.

La conciliazione è fallita nel 15,1% dei casi (2'301), provocando la consegna dell'autorizzazione ad agire.

Nel periodo di riferimento sono inoltre state accolte dalle parti 630 proposte di giudizio (4,1%). Ne sono invece state rifiutate 309, il che ha anche portato al rilascio dell'autorizzazione ad agire (2,0%).

In 69 controversie patrimoniali fino a un valore litigioso di 2000 franchi (vale a dire nello 0,5% dei casi) è stata emanata una decisione diretta.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS