Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dall'elezione di Donald Trump gli svizzeri sembrano più restii a seguire corsi di lingua negli Stati Uniti.

Le grandi agenzie Education First (EF) e ESL hanno registrato un calo delle iscrizioni e altre invece hanno solo notato esitazioni e preoccupazioni fra i clienti.

"Dal primo dicembre abbiamo subito una calo del 15% delle prenotazioni per gli Stati Uniti rispetto all'anno prima, mentre per le altre destinazioni la tendenza è positiva", ha spiegato all'ats Thomas Geny, responsabile di EF per la Romandia. L'agenzia ESL ha registrato un calo del 25% in Svizzera da novembre.

Altre agenzie come Eurocentres, Globo-study, Pro Linguis o Boa Lingua non hanno costatato una diminuzione delle prenotazioni ma solo un aumento delle "preoccupazioni": "gli studenti pongono sempre più domande sulle formalità di entrata e sui visti", ha detto Claudio Cesarano, direttore di Globo-study. Per Geny la forza del dollaro ha un ruolo preponderante nelle scelte e non si può parlare di "effetto Trump".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS