Navigation

Mercato immobiliare, rischi aumentano ma la base è stabile

Aumentano i pericoli, ma non troppo. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2020 - 15:00
(Keystone-ATS)

Aumentano ulteriormente i rischi sul mercato immobiliare: lo dice l'indice RERI di MoneyPark, che nel secondo trimestre si è attestato a 4,1 punti, 0,2 punti in più che nei tre mesi precedenti e valore più alto dall'inizio della sua misurazione, nel 2014.

Dalla fine del 2018 l'indicatore è salito di 1,3 punti.

La crescita è dovuta principalmente alle prospettive economiche estremamente fosche, spiegano gli analisti di MoneyPark - società attiva nella consulenza e intermediazione ipotecaria - in un comunicato diffuso oggi. L'imminente recessione globale e nazionale si riflette già in un aumento della disoccupazione.

Ciò nonostante l'azienda ritiene che il mercato immobiliare residenziale abbia una base stabile: i proprietari dovrebbero essere in grado di far fronte a eventuali perdite temporanee di reddito. Hanno inoltre un impatto positivo le regole giudicate molto severe in materia di finanziamento, in particolare riguardo alla sostenibilità delle ipoteche.

I prezzi e l'offerta di immobili residenziali non hanno finora risentito della crisi del coronavirus. Entrambi sono leggermente aumentati: nel primo caso la crescita è però dovuta alle case unifamiliari, mentre l'ampliamento dell'offerta è da ricondurre agli appartamenti in proprietà.

Inoltre la domanda di abitazioni proprie è tornata a superare nuovamente l'offerta. Il forte calo delle transazioni osservato in aprile e maggio ha avuto carattere temporaneo: in giugno i numeri sono tornati ad aumentare e si muovono verso la normalità, affermano i ricercatori di MoneyPark, che non presentano dati disaggregati regionali o commenti sulle singole realtà locali.

Il RERI si compone di sei sottoindici, che considerano sia fattori macroeconomici come il tasso di disoccupazione e l'indice dei direttori agli acquisti, sia dati specifici sulla concessione dei crediti e sul mercato dei tassi.

L'indicatore va da 1 a 6: più alto è il numero, maggiore è il rischio sul mercato. Questo rischio può riferirsi sia ad una caduta dei prezzi, per esempio a causa di un calo della domanda, sia a un surriscaldamento del mercato, quale potrebbe essere un forte sganciamento dei prezzi immobiliari dal livello generale dei prezzi. L'indice viene calcolato dal primo trimestre 2014.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.