Navigation

Mercato immobiliare stabile, Credit Suisse

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2010 - 11:06
(Keystone-ATS)

ZURIGO - La Svizzera ha tratto i debiti insegnamenti dalla crisi immobiliare degli anni Novanta. Per questo motivo, nonostante la difficile situazione economica, anche per il 2010 i vari segmenti del mercato si presentano all'insegna della stabilità, indica il Credit Suisse in una nota odierna.
Soprattutto il settore dell'alloggio riesce ancora a sottrarsi alla crisi, mentre la situazione è più difficile per gli uffici, ramo sottoposto a cicli più marcati, affermano gli esperti della banca.
Per gli uffici a fronte di un'importante offerta figura una domanda ancora debole. Per quanto riguarda gli spazi di vendita, per effetto della debolezza del giro d'affari nel commercio al dettaglio e in seguito a cambiamenti sociali, il fenomeno della ristrutturazione si sta intensificando, a scapito delle aziende di piccole dimensioni e di specifici settori del commercio specializzato, rileva il Credit Suisse. La domanda è più vivace per superfici di vendita superiori ai mille metri quadrati o situate in luoghi strategici.
Il settore abitativo, grazie alla solidità del mercato dei crediti ipotecari e dell'elevata domanda legata all'immigrazione, finora si è mostrato stabile, osserva la banca. Tuttavia per il 2010 dovrà affrontare diverse sfide, quali l'aumento della disoccupazione, la stagnazione dei redditi e l'indebolimento degli impulsi provenienti dall'immigrazione. Inoltre la fase di bassi tassi di interesse dovrebbe lentamente terminare, stando agli specialisti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.