Navigation

Merck Serono: Ernesto Bertarelli triste e sorpreso

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2012 - 09:55
(Keystone-ATS)

Ernesto Bertarelli, ex patron ed ex azionista di maggioranza di Serono, si è detto triste e molto sorpreso per l'annunciata chiusura di Merck Serono a Ginevra. "Questo dimostra che non siamo affatto al riparo di una situazione economica mondiale difficile", ha dichiarato ai quotidiani "Le Temps" e "Corriere del Ticino".

"Purtroppo non posso che prendere atto della decisione; dalla vendita dell'azienda nel 2006 non ricopro più alcuna responsabilità in questa società", ha aggiunto. "Sono passati più di cinque anni da quando ho venduto la società - ha affermato al giornale ticinese Bertarelli, noto anche come patron di Alinghi - e penso che questa decisione spetti a Merck di spiegarla. Per parte mia sono dispiaciuto per i collaboratori, che da anni contribuiscono al successo della società. Sono sorpreso, perché quando ho venduto Serono ho lasciato una società con molto potenziale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?