Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Messico: in 130 evadono da carcere nel nord del paese

Almeno 130 detenuti sono fuggiti da un carcere a Piedras Negras, nello stato messicano di Coahuila (nord del paese, a ridosso della frontiera col Texas) dopo aver scavato un tunnel di 7 metri di lunghezza. Lo riferiscono le autorità locali, che hanno fatto scattare il "codice rosso" per rintracciare e catturare gli evasi.

Secondo ricostruzioni della stampa locale, l'evasione di massa è stata scoperta ieri sera, quando si procedeva alla conta dei reclusi. "Hanno usato un tunnel di circa 1,2 metri di larghezza e sette di lunghezza, a una profondità di 2,9 metri, che si apriva dove prima si trovava l'officina di falegnameria e portava fino a una delle torri del perimetro del carcere, che guarda a nord. Una volta lì, hanno tagliato la recinzione e sono usciti uno ad uno", ha indicato una fonte della procura locale.

L'ultima fuga collettiva da un carcere messicano era avvenuta lo scorso 19 febbraio ad Apodaca, nello stato di Nuevo Leon, dove un gruppo di 30 affiliati al clan di narcos dei Los Zetas erano riusciti a fuggire coperti da un gruppo di fiancheggiatori, con la complicità di parte del personale penitenziario, attaccava detenuti appartenenti al Cartello rivale del Golfo, uccidendone oltre 40 con pietre e oggetti contundenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.