Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una vaquita spiaggiata: gli effettivi di questa specie sono ormai ridotti ai minimi termini.

KEYSTONE/AP Proyecto Vaquita/O. VIDAL

(sda-ats)

Al via il piano di salvataggio messicano della vaquita, la piccola focena che vive nel Golfo della California, di cui restano pochissimi esemplari al mondo e per la quale è sceso in campo anche un attivista vip come Leonardo DiCaprio.

Si tratta di uno "sforzo senza precedenti", afferma il Wwf: gli ultimi esemplari del rarissimo cetaceo saranno catturati e trasferiti temporaneamente in un santuario marino creato ad hoc dal Messico al largo di San Felipe.

La vaquita, soprannominata anche "panda del mare", è il mammifero marino più minacciato al mondo. In natura secondo le ultime stime ne restano meno di 30. L'operazione di "recupero", partita oggi, è tutt'altro che semplice e priva di rischi, spiegano i responsabili del progetto, ma senza questo tentativo il mammifero scomparirà del tutto.

L'obiettivo finale è far tornare i cetacei nel loro habitat naturale dopo averlo messo in sicurezza eliminando la minaccia numero uno. Ovvero le reti usate per i crostacei e soprattutto per la pesca illegale di totoaba, ricercati per la loro vescica natatoria che, essiccata, viene venduta sul mercato cinese a 2500 dollari all'etto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS