Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Messico: si insedia Obrador, al via cambio di rotta

Il nuovo presidente messicano Obrador.

KEYSTONE/AP/REBECCA BLACKWELL

(sda-ats)

Il sessantacinquenne politologo Andrés López Obrador, che lo scorso 1 luglio ha stravinto le elezioni del Messico con il 53% delle preferenze, sarà consacrato domani nuovo presidente del Paese centroamericano.

Un cambio di rotta che avviene in mezzo a un processo di polarizzazione politica, conflitti giudiziari e crisi economica, senza dimenticare il braccio di ferro con gli Stati Uniti in seguito all'emergenza migranti, soprattutto dopo le tensioni esplose nella città di frontiera di Tijuana.

Subito dopo i risultati delle urne, Obrador si è imposto sulla scena pubblica a tal punto da offuscare il presidente in carica, Enrique Peña Nieto. Ma questa presenza esagerata sui media ha avuto anche risvolti negativi, generando un aspro scontro tra detrattori e sostenitori, e costandogli una perdita di dieci punti nell'indice di popolarità, prima stimata al 60% secondo un recente sondaggio del quotidiano El Universal.

Alla cerimonia di insediamento di Obrador sono stati invitati almeno 400 ospiti internazionali, tra cui 20 capi di Stato e di governo. La delegazione statunitense sarà guidata dal vicepresidente Mike Pence, ma ci sarà anche Ivanka, figlia del presidente Usa, Donald Trump, accompagnata dal marito, Jared Kushner.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.