Navigation

Meyer Burger sopprime 450 impieghi

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2012 - 18:27
(Keystone-ATS)

Malgrado la catastrofe nucleare di Fukushima l'industria fotovoltaica sta attraversando una situazione di crisi che non risparmia Meyer Burger. Il gruppo con sede a Zugo, specialista nelle tecnologie fotovoltaiche, intende infatti sopprimere circa 450 posti di lavoro.

L'impresa, che negli scorsi anni si era fortemente sviluppata arrivando ad avere in organico, a fine dicembre, 3058 collaboratori, sopprime così il 15% degli effettivi. Non è ancora chiaro dove e in che misura questi impieghi saranno soppressi.

La ristrutturazione toccherà soprattutto la tedesca Roth & Rau rilevata lo scorso agosto. Circa 200 posti su 1350 saranno cancellati. La produzione non sarà toccata dalla misura; i settori vendita e servizi saranno invece integrati in quelli della casa madre.

Anche la Svizzera è toccata: a Thun (BE) 40/60 impieghi verranno soppressi. I 17 siti presenti nella regione saranno concentrati in un solo stabile attualmente in costruzione. Qui sarà inoltre trasferita, da Baar (ZG), la sede della società. A livello fiscale le differenze sono minime, ha affermato il direttore finanziario di Meyer Burger, Michel Hirschi, in una conferenza stampa a Zurigo.

I tagli non riguardano invece gli stabilimenti di Neuchâtel e Lyss (BE). La società aveva introdotto i questi siti la disoccupazione parziale e aveva licenziato il personale interinale. Con queste misure la direzione conta di risparmiare 20/30 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?