Microplastiche nelle acque: in Europa non sono una minaccia

Non ci sono prove che gli organismi nelle acque europee siano minacciati dalla microplastica KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 maggio 2019 - 12:50
(SDA-ATS)

Non ci sono prove che gli organismi nelle acque europee siano minacciati dalla microplastica.

Lo rilevano gli scienziati del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa), che hanno realizzato una prima valutazione mondiale del rischio legato alla presenza di queste particelle in laghi e fiumi.

Nonostante gli impianti di trattamento, le microplastiche, provenienti da diverse fonti tra cui i cosmetici o il bucato, finiscono sempre più spesso nelle acque reflue, così come nel suolo.

Lo studio dell'Empa, i cui risultati sono stati di recente pubblicati dalla rivista "Environmental Toxicology and Chemistry", mette in risalto come, al momento, pesci d'acqua dolce e altri esseri viventi non siano messi in pericolo da tali minuscole particelle. In Europa, si legge in una nota odierna, la concentrazione rimane infatti al di sotto dei valori limite, superati i quali gli organismi possono considerarsi a rischio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo