Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Grecia deve adottare "misure urgenti" per mettere in linea il suo sistema d'asilo con gli standard europei, in modo da ripristinare Dublino e poter rimandarle indietro i migranti arrivati in altri Paesi Ue ma entrati dalla Grecia.

È la raccomandazione adottata oggi dalla Commissione Ue, che vuole porre rimedio alla situazione creatasi dopo le sentenze del 2010-2011 della Corte dei diritti umani e della Corte di giustizia Ue che hanno bloccato i trasferimenti date le carenze delle strutture d'asilo di Atene.

Il regolamento di "Dublino non è morto, e finché non ci sarà la sua revisione dobbiamo a mantenerlo vivo", ha affermato il commissario Ue agli affari interni Dimitri Avramopoulos, spiegando che a marzo presenterà le prime idee per la revisione del sistema che obbliga il Paese Ue di primo ingresso dei migranti a farsi carico delle loro richieste di asilo.

Atene deve quindi migliorare le capacità di accoglienza dei migranti e delle loro condizioni di vita, e garantire un accesso effettivo al sistema di asilo. A marzo dovrà fare rapporto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS