L'accordo di riammissione in discussione con l'Ue prevede che "il numero di migranti che saranno rimandati alla Turchia non è di milioni" ma al massimo di "decine di migliaia".

Lo ha spiegato all'agenzia statale Anadolu il ministro degli Affari Europei di Ankara, Volkan Bozkir.

Il ministro turco ha precisato che Ankara inizierà a riprendere i rifugiati solo quando quelli già sul territorio europeo saranno stati ricollocati nei vari Paesi. L'Ue, ha aggiunto, non potrà poi "scegliere selettivamente" i rifugiati da accogliere, preferendo quelli più qualificati come medici o ingegneri.

"Avremo adempiuto a tutti i nostri obblighi entro il primo maggio", ha assicurato Bozkir, in modo da ottenere da giugno la liberalizzazione dei visti per i turchi nell'area Schengen.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.