Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il giudice per le udienze preliminari (gup) presso il tribunale dei minorenni ha condannato a sette anni di carcere, in abbreviato, Mohammed Bougurra, il marocchino di 17 anni che guidava il barcone a bordo del quale morirono 52 migranti.

Le vittime, chiuse nella stiva, a cui fu impedito di risalire in superficie, morirono soffocate dalle esalazioni dei motori. Il ragazzo è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

L'imbarcazione venne intercettata e raggiunta, nel Canale di Sicilia, dalla nave svedese Poseidon, il 26 agosto scorso.

I cadaveri e i superstiti vennero portati a Palermo. La Procura aprì un'indagine coordinata dai pm Roberto Tartaglia e Annamaria Picozzi e vennero individuati dieci scafisti tra i quali il minorenne che è stato processato separatamente.

A suo carico, come a carico degli altri che erano alla guida della barca, è stato ipotizzato anche il reato di omicidio per cui verrà giudicato successivamente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS