Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Croazia e Slovenia potrebbero diventare Paesi beneficiari del meccanismo temporaneo di 120'000 ricollocamenti, che il consiglio Interni punta ad adottare il 22 settembre, anche ricorrendo a un voto a maggioranza qualificata, se non sarà trovato un consenso unanime.

Lo spiegano fonti Ue precisando che, tuttavia, le opzioni devono essere ancora analizzate. L'Ungheria - Paese da cui il piano della Commissione Ue prevede di ridistribuire 54'000 profughi - ha infatti ribadito di non voler essere nel gruppo di Stati beneficiari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS