Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri austriaco Sebastian Kurz

KEYSTONE/APA/APA/HANS PUNZ

(sda-ats)

"I preparativi per i controlli alla frontiera con l'Italia non sono solo giusti ma anche necessari. Noi ci prepariamo e difenderemo il nostro confine del Brennero se ciò sarà necessario". Lo dice il ministro degli esteri austriaco Sebastian Kurz.

In dichiarazioni riportate dall'agenzia austriaca Apa l'atteggiamento dell'Austria viene definito dal ministro austriaco Sebastian Kurz un chiaro messaggio nei confronti di Bruxelles e di Roma sul fatto che nessuno può rivolgere accuse all'Austria: "Abbiamo accolto più persone di quanto non abbiano fatto gli altri stati europei", dice Kurz. Secondo Kurz, l'Unione Europea deve chiarire che un soccorso attuato nel Mediterraneo non è un ticket per l'Europa. Ad avviso di Kurz i profughi vanno respinti, oppure vanno fermati alle frontiere esterne e vanno portati su isole come Lampedusa.

Intanto il ministero degli Esteri italiano ha dichiarato che, a seguito delle dichiarazioni del governo austriaco circa lo schieramento di truppe al Brennero, il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha convocato stamane alla Farnesina l'Ambasciatore austriaco a Roma, René Pollitzer.

SDA-ATS