Navigation

Migranti: Macron, 'per accogliere bene non accogliere tutti'

Il presidente francese Emmanuel Macron. KEYSTONE/EPA/JUSTIN LANE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2019 - 09:19
(Keystone-ATS)

"La Francia non può accogliere tutti se vuole accogliere bene": questo il senso della politica sui migranti del presidente francese Emmanuel Macron.

Macron ha illustrato il piano questa mattina ai microfoni di Europe 1 a qualche giorno dall'apertura del dibattito parlamentare sulle nuove regole per l'immigrazione.

"Per continuare ad accogliere tutti degnamente - ha detto nell'intervista registrata a New York, da dove sta rientrando in Francia - non dobbiamo essere un paese che attrae troppo". Dobbiamo rimanere, ha aggiunto, "umani ed efficaci", "lasciando certi atteggiamenti nei quali ci siamo troppo rinchiusi", tra "buona coscienza" e "false rigidità".

"Sarebbe un errore - ha detto Macron - dire che la questione migratoria è un tabù o che, in qualche modo, la si può tirare fuori soltanto quando c'è una crisi". Per il capo dell'Eliseo, "la Francia è un paese di immigrazione da sempre" e bisogna affrontare il dibattito "in un clima estremamente pacificato".

Macron ha riconosciuto che c'è "un forte aumento del numero dei richiedenti asilo, a causa di un'insufficiente cooperazoine in Europa" e un "fallimento" dei rimpatri. Il dibattito sull'immigrazione e il progettato giro di vite di Macron è in programma il 30 settembre all'Assemblea Nazionale e il 2 ottobre al Senato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.