Navigation

Migranti: Salvini indagato per sequestro persona

Matteo Salvini KEYSTONE/EPA ANSA/ALESSANDRO DI MEO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2019 - 19:13
(Keystone-ATS)

Per la seconda volta a distanza di poco più di un anno la Procura di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati Matteo Salvini per avere impedito a una nave con profughi a bordo di attraccare in porto.

I reati contestati sono il sequestro di persona e l'abuso d'ufficio.

L'iscrizione risale a sabato. Ieri gli atti sono stati trasmessi alla Procura di Palermo, che potrebbe confermare o modificare le contestazioni ipotizzate dai colleghi prima di trasmettere tutto al tribunale di ministri del capoluogo, unico organo competente visto il coinvolgimento di un ex esponente del Governo italiano. Salvini, all'epoca dei fatti - siamo ad agosto scorso - era infatti il titolare del Viminale.

L'accusa riguarda il caso dei 164 migranti salvati il primo agosto scorso dalla nave della Ong Open Arms a cui fu vietato dall'allora ministro dell'Interno l'ingresso nelle acque italiane. La nave rimase 20 giorni ferma davanti a Lampedusa. Furono poi i magistrati di Agrigento, in seguito a un'ispezione a bordo, a ordinare lo sbarco d'urgenza dei profughi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.