Navigation

Migranti: Ue, missione Sophia prorogata fino a 31 marzo 2020

L'operazione Sophia è stata prorogata nel formato attuale, cioè priva dei suoi mezzi navali. Keystone/AP/MATTHIAS SCHRADER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2019 - 14:26
(Keystone-ATS)

Il Consiglio dell'Unione europea ha prorogato ufficialmente di sei mesi, fino al 31 marzo 2020, il mandato dell'operazione Sophia. Lo si legge in una nota.

Intanto "resta temporaneamente sospeso lo spiegamento delle forze navali dell'operazione mentre gli Stati membri continuano a lavorare ad una soluzione al problema degli sbarchi. Gli Stati - viene affermato - sono pronti a tornare sulla questione ogni qualvolta sia necessario, per fornire al comandante dell'operazione eventuali nuovi orientamenti in merito allo spiegamento delle forze navali dell'operazione".

L'operazione Sophia, ufficialmente denominata European Union Naval Force Mediterranean e conosciuta anche con l'acronimo EUNAVFOR Med, è la prima operazione militare di sicurezza marittima lanciata dall'Unione europea, che opera nel Mediterraneo centrale. Ha iniziato le attività nel giugno 2015.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.