Navigation

Migranti, Ue prenderà 1500 bimbi da Grecia

L'Ue vuole intervenire. KEYSTONE/AP/Felipe Dana sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 07:50
(Keystone-ATS)

Una coalizione di paesi "volontari" dell'Ue prevede di prendersi in carico fino a un massimo di 1500 bambini migranti attualmente bloccati sulle isole greche, come misura di sostegno "umanitario". Lo ha annunciato nella notte il governo tedesco.

"A livello europeo in questi giorni si stanno svolgendo negoziati su una soluzione umanitaria, con l'obiettivo di organizzare la cura di questi bambini nel quadro di una 'coalizione di volontari'", ha sottolineato Berlino in un comunicato stampa, senza specificare i nomi dei paesi coinvolti.

"Vogliamo aiutare la Grecia ad affrontare la difficile situazione umanitaria di 1.000-1.500 bambini sulle isole" del paese, hanno aggiunto i partiti della coalizione di governo della cancelliera Angela Merkel, in seguito a un incontro di diverse ore iniziato ieri sera. "Questi sono bambini che a causa di una malattia hanno urgentemente bisogno di cure, o bambini non accompagnati di età inferiore ai 14 anni, per lo più femmine", hanno detto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.