Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Militari e mezzi blindati stanno affluendo nella zona di Roeszke nel sud dell'Ungheria, a ridosso della frontiera con la Serbia, nell'imminenza dell'entrata in vigore a mezzanotte delle nuove norme più restrittive in fatto immigrazione.

È prevista in particolare la chiusura della frontiera e l'arresto di chi entrerà illegalmente in Ungheria. La polizia e l'esercito stanno completando la costruzione della barriera metallica e filo spinato, sigillando anche il passaggio lungo la ferrovia Subotica-Szeged, battuta finora dalla marea di migranti in Marcia verso nord.

La nuova legge ungherese prevede condanne fino a tre anni di carcere per chi viola i confini. Il governo serbo ha detto di temere un nuovo flusso da nord di migranti respinti al confine ungherese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS