Militari e mezzi blindati stanno affluendo nella zona di Roeszke nel sud dell'Ungheria, a ridosso della frontiera con la Serbia, nell'imminenza dell'entrata in vigore a mezzanotte delle nuove norme più restrittive in fatto immigrazione.

È prevista in particolare la chiusura della frontiera e l'arresto di chi entrerà illegalmente in Ungheria. La polizia e l'esercito stanno completando la costruzione della barriera metallica e filo spinato, sigillando anche il passaggio lungo la ferrovia Subotica-Szeged, battuta finora dalla marea di migranti in Marcia verso nord.

La nuova legge ungherese prevede condanne fino a tre anni di carcere per chi viola i confini. Il governo serbo ha detto di temere un nuovo flusso da nord di migranti respinti al confine ungherese.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.