Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il parlamento ungherese ha approvato oggi con la maggioranza dei due terzi un provvedimento che prevede l'impiego dell'esercito a sostegno della polizia per la difesa dei confini meridionali.

A breve saranno inviati alla frontiera con la Serbia 3.500 militari che potranno far uso delle armi solo in caso di pericolo di vita per i soldati

La nuova legge - passata con 151 voti a favore, 12 contrari e 27 astenuti - consente ai militari, per impedire l'ingresso illegale nel Paese, l'impiego di armi non da fuoco come proiettili di gomma, bombe assordanti, gas lacrimogeni e pistole che sparano reti per la cattura di persone.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS