Navigation

Min. Esteri Oman per terza volta a Teheran in un mese

Il ministro degli Esteri omanita Yousuf bin Alawi (a sinistra) con il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif in un incontro a Teheran nel 2019 (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/EBRAHIM NOROOZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2020 - 15:55
(Keystone-ATS)

Il ministro degli Esteri omanita Yousuf bin Alawi, il cui Paese svolge tradizionalmente opera di mediazione fra l'Iran e gli Usa, è arrivato oggi a Teheran.

Si tratta della sua terza visita dall'inizio di gennaio, da quando le tensioni fra Washington e Teheran si sono acuite in seguito all'uccisione del generale Qassem Soleimani a Baghdad in un blitz americano.

In un comunicato, il ministero degli Esteri di Teheran ha detto che nei suoi colloqui con il capo della diplomazia iraniana, Mohammad Javad Zarif, Bin Alawi ha affrontato tra l'altro il tema della sicurezza nello Stretto di Hormuz e le due parti hanno fatto appello ai Paesi della regione perché collaborino a garantire la sicurezza nell'area.

Intanto Zarif viene attaccato da ambienti conservatori, dopo che in un'intervista al settimanale tedesco Der Spiegel ha detto che potrebbero esserci negoziati con gli Usa se Washington revocasse le sanzioni contro Teheran.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.