Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Avvertiamo i sauditi di non fare nulla di stupido, perché se faranno qualcosa di stupido non lasceremo in piedi nessun luogo del regno ad eccezione di Mecca e Medina".

Lo ha detto il ministro della Difesa iraniano, generale Hossein Dehqan, in risposta alle parole del principe ereditario saudita, Mohammad bin Salman Al Saud, che in un'intervista ha ipotizzato di dare battaglia sul terreno dell'Iran piuttosto che aspettare che Teheran lo faccia in Arabia Saudita.

Dehqan, alla Tv libanese al-Manar secondo quanto riportato dai media iraniani, ha rimarcato che "i sauditi pensano di poter fare qualsiasi cosa perché hanno la forza aerea", facendo in tal senso riferimento alla campagna di bombardamento saudita in Yemen che ha finora causato la morte di oltre 12.000 persone.

Il principe Mohammad bin Salman, che è anche ministro della Difesa saudita, aveva rigettato seccamente nei giorni scorsi la proposta di dialogo lanciata da Teheran affermando, in una intervista alle tv saudite, che non c'è spazio per il dialogo con l'Iran a causa della ambizioni sciite di voler controllare il mondo islamico. Mohammad aveva poi aggiunto che i sauditi non resteranno seduti ad aspettare la guerra, ma "lavoreranno in modo che diventi una battaglia sul suolo dell'Iran e non in Arabia Saudita".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS