Navigation

Minneapolis: walkout contro Zuckerberg per mancata censura Trump

Parziale ammutinamento dei dipendenti nei confronti del CEO e fondatore di Facebook Mark Zuckerberg KEYSTONE/AP/Mark Lennihan sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 giugno 2020 - 21:23
(Keystone-ATS)

Alcuni dipendenti di Facebook hanno abbandonato le loro postazioni di lavoro per manifestare il loro disappunto contro la decisione di Mark Zuckerberg di non agire sui tweet del presidente statunitense Donald Trump.

Il "walkout" virtuale, riportano i media americani, punta a far trapelare all'esterno e a dar voce al malcontento nei confronti del fondatore e CEO per aver deciso di non intervenire sui cinguettii del presidente censurati da Twitter sulle proteste negli Stati Uniti.

Per Facebook forme di protesta pubblica sono inusuali. I dipendenti negli ultimi anni hanno infatti nella maggior parte dei casi discusso i vari scandali che hanno riguardato il social media al loro interno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.